Archive for March, 2015

Il potere di un bacio

Monday, March 23rd, 2015

Il 60% della popolazione ne soffre, ma il 18,5% non sa nemmeno di cosa si tratta: è la parodontite, un’infezione cronica associata alla perdita progressiva del tessuto osseo circostante i denti. A favorirne una così ampia diffusione potrebbe essere anche la facilità con cui si può trasmettere da un individuo ad un altro. Infatti secondo uno studio pubblicato da Francesco Martelli, direttore scientifico dell’Istituto di Ricerca e Formazione in Microdentistry, sulla rivista di settore Igiene e Sanità Pubblica per scambiarsi i batteri responsabili di questa malattia basta un semplice bacio. La diagnosi precoce, ricorda l’esperto, è un’arma importantissima “per chiarire la fonte di infezione, al fine di valutare protocolli di prevenzione anche per il partner”.

potere-bacio

In caso di sospetta parodontite può essere particolarmente utile lo screening diagnostico biomolecolare, che con i test microbiologici e genetici consente di prevedere le varianti geniche che influenzano la persistenza dei batteri pericolosi nelle aree al di sotto delle gengive, a sua volta determinante in termini di efficacia delle terapie. Fra queste ultime secondo Martelli il trattamento MicroFotoDinamico con laser ad alta potenza rappresenta un’arma particolarmente potente. “Consente una personalizzazione della terapia – sottolinea l’esperto – e garantisce una profonda decontaminazione dei batteri presenti nelle tasche parodontali, attraverso un’azione meno invasiva, meno dolorosa e più precisa rispetto alla chirurgia tradizionale, resa possibile anche dall’uso del Microscopio Operatorio in tutte le fasi del trattamento”.

Ma che cosa sono le malattie parodontali?

La parodontopatia: in questo stadio l’osso e la fibra del tessuto connettivo che mantiene i denti al posto giusto sono stati irreversibilmente danneggiati. Le gengive iniziano a formare una sacca al di sotto della linea gengivale che lascia intrappolati il cibo e la placca. Un trattamento dentale appropriato, e una migliore igiene del cavo orale puó generalmente aiutare nel prevenire ulteriori effetti negativi sulla salute.

La parodontite ulcero-necrotica: questra e’ l’ultima fase del decorso della malattia, in cui le fibre del tessuto connettivo, e l’osso che sostiene i denti sono distrutti, e questo puó causare lo spostamento dei denti, e il loro allentamento. Questo tipo di complicanze puó riguardare negativamente la masticazione e i denti potrebbero essere rimossi dal dentista.

immagine: 1.

Diamo un’occhiata agli spazzolini elettrici!

Thursday, March 12th, 2015

Ma che cos’è uno spazzolino elettrico?

La risposta breve e concisa è semplice: uno spazzolino elettrico da denti può essere adatto alla pulizia come quello manuale, ma non è vero il contrario. Uno spazzolino manuale ha molti limiti rispetto al suo rivale, soprattutto se si considera la perfezione con la quale garantisce la pulizia dei denti.

Le differenze tra spazzolino elettrico e manuale

Quali sono le differenze? Prima di tutto il prezzo: naturalmente uno spazzolino elettrico costa sempre di più di quello manuale.
Ma si devono prendere in considerazione due fattori: uno spazzolino manuale si deve cambiare ogni 3 mesi, mentre uno spazzolino elettrico dura anni, a parte il ricambio delle testine, e inoltre ne basta uno per famiglia.

spazzolini-elettrici

La seconda differenza importante è nelle testine: quelle degli spazzolini manuali sono un po’ tutte uguali, mentre quelle dello spazzolino elettrico sono speciali (indicate per esempio per lo sbiancamento dentale, i denti sensibili).
La terza differenza è che spazzolino elettrico pulisce più a fondo i nostri denti, prestando attenzione anche alla giusta pressione da fare per non danneggiare le gengive. Le setole oscillanti rimuovono, infatti, la placca anche nelle zone difficili da raggiungere.

Conclusioni

I vantaggi di spazzolino elettrico

· Pulizia più efficace
· Giusta pressione
· Più veloce, accelera i passi di una corretta igiene quotidiana
· Un manico per i diversi componenti della famiglia
· Testine speciali (con movimenti rotatori, oscillanti, laterali a bassa o ad alta frequenza)
· Testine con tempi precisi di utilizzo

immagine: 1.